• vocazioni 15Si concluderà in Santuario la Settimana nazionale per la 52a Giornata Mondiale di preghiera per le vocazioni, quest’anno celebrata in Campania. Il 25 aprile, l'incontro regionale dei giovani. Alle 20, l’Arcivescovo Tommaso Caputo presiederà la veglia vocazionale in Basilica, preceduta, alle 18, nel piazzale San Giovanni XXIII, da due ore di animazione curate dell’Ufficio Pastorale Vocazionale Regionale. Alle 11 del 26 aprile, sempre in Santuario, il Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli, presiederà la Santa Messa, trasmessa in diretta da Raiuno. Ogni informazione è nel programma allegato.
     
  • presepi pasqua 15La Sala offerte del Santuario ospita in questi giorni le realizzazioni degli artigiani dell’Associazione Amici del Presepe Antonio D’Auria che descrivono le pagine evangeliche che narrano l’Ultima Cena, la preghiera di Gesù nell’Orto degli ulivi, la crocifissione, la deposizione di Cristo dalla croce e la Risurrezione. Cinque lavori realizzati da Giovanni Ferraro, Paolo Vetrano, Francesco Avano, Domenico Bonifacio e Nello D’Antonio. L’arte popolare degli autori, apprezzati già come presepisti, ha una valenza culturale, ma anche formativa. Le ricostruzioni possono essere paragonate agli affreschi che impreziosiscono il Santuario di Pompei così come ogni chiesa cristiana. Sono infatti opere d’arte, ma anche strumenti di catechesi, dotati della forza incisiva e dell’immediatezza delle immagini.

    Scarica locandina
  • papa francesco newsPompei ha finalmente abbracciato Papa Francesco. Alle 7.48 di questo primo giorno di primavera, il Santo Padre è atterrato nella città mariana, dove è rimasto per circa un’ora, prima di proseguire il suo cammino verso Napoli. In Area Meeting, dove è stato allestito l’eliporto, è stato accolto dall’Arcivescovo Prelato e Delegato Pontificio, mons. Tommaso Caputo, e dal Sindaco, Ferdinando Uliano. Papa Francesco ha attraversato il lungo viale del parcheggio della Basilica, salutando il cordone di fedeli giunti fin dalle primissime ore del mattino. Primi a salutarlo, i giovani strumentisti del Complesso Bandistico “Bartolo Longo-Città di Pompei”, gli ospiti di tutte le opere di carità e gli alunni delle scuole del Santuario. Bagno di folla anche in Piazza Bartolo Longo, dove, ad attenderlo c’erano
  • Copertina 20 sabati verdeCon il mese di dicembre è ricominciata, in Santuario, la celebrazione dei “Venti Sabati del Santo Rosario”, la pia pratica che accompagna i fedeli, sabato dopo sabato, al giorno in cui si recita la Supplica. Questa devozione, infatti, così come proposta dal Santuario di Pompei, consiste nell’impegno di rivivere, per venti sabati consecutivi, i misteri del Santo Rosario, in preparazione alle due grandi giornate dell’8 maggio e della prima domenica di ottobre, quando, a mezzogiorno, simultaneamente in tutto il mondo, si recita la Supplica, la preghiera composta dal Beato Bartolo Longo nel 1883. Ed è proprio alla scuola del Beato, fondatore del Santuario, centro che ha contribuito, più di altri, alla diffusione di questa pratica, che si svolgono i Venti Sabati.
  • CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA
    NOTA DELL’UFFICIO NAZIONALE PER LE COMUNICAZIONI SOCIALI
    Il matrimonio in cui crediamo
     
    ucs microLa notizia della trascrizione oggi, in Campidoglio, di matrimoni tra persone dello stesso sesso, avvenuti all’estero, sorprende perché oltre a non essere in linea con il nostro sistema giuridico, suggerisce una equivalenza tra il matrimonio ed altre forme che ad esso vengono impropriamente collegate. Una tale arbitraria presunzione, messa in scena proprio a Roma in questi giorni, non è accettabile. L’augurio è che il rispetto delle persone individuali sia sempre salvaguardato nelle loro legittime attese e nei loro bisogni, senza mai prevaricare il dato della famiglia.
    Leggi tutto...
 

Supplica alla Vergine

 

I Papi e Pompei

 
 

1979

 

2003

 

2008

 
S.E. Mons.

Tommaso Caputo

Donazione PayPal

Importo:
Donazione al Pontificio Santuario delle Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei

Orari e Celebrazioni

Il Rosario e la Nuova Pompei

OFFERTE AL SANTUARIO

 
borse_studio

Borse di Studio

Leggi Altro >>
home_restauro

Restauro

Apri >>
Stampa

Home Page

Pompei è opera di Dio

tempio dello Spirito, luogo di conversione e di riconciliazione, di misericordia e di preghiera, di spiritualità e di santità. È città di Maria, venerata come Vergine del Rosario, alla cui scuola milioni di pellegrini imparano ad ascoltare le parole del suo figlio Gesù e a farne una ragione di vita.

Pompei è dono dell’amore di Bartolo Longo

un innamorato della vita, un avvocato santo, che, animato da una straordinaria pietà mariana, ha impegnato tutta la vita a servizio del Vangelo, costruendo una nuova città dell’amore.

Pompei è Rosario

progetto di vita, via che conduce alla contemplazione dei misteri della salvezza, rifugio sicuro nelle prove della vita, catena che lega i cuori a Dio e ci fa fratelli. È Supplica, preghiera filiale, fiduciosa e devota alla Madre del Signore. È missione mariana, mandato apostolico, servizio della Parola, impegno di annuncio della buona notizia del Vangelo con Maria e per Maria, la Vergine dell’ascolto e del fiato.

Pompei è laboratorio di solidarietà e di promozione umana

migliaia di ragazzi e ragazze, di uomini e donne, vittime del disagio sociale, sono stati accolti e restituiti alla propria dignità umana, sperimentando il calore di una casa e di una famiglia.

Pompei è crocevia di uomini e di popoli

di culture e di nazionalità, luogo di incontro di una umanità assetata di Dio e desiderosa di legalità e di giustizia, di speranza e di pace. È portale d’eternità, proiezione dell’umanità nel tempo di Dio, profezia sul futuro dell’uomo e della storia. È “città posta sul monte” per indicare a tutti gli uomini di buona volontà il cammino da compiere per raggiungere, guidati dalla Vergine Maria, la città di Dio, la santa Gerusalemme.