• presepi pasqua 15La Sala offerte del Santuario ospita in questi giorni le realizzazioni degli artigiani dell’Associazione Amici del Presepe Antonio D’Auria che descrivono le pagine evangeliche che narrano l’Ultima Cena, la preghiera di Gesù nell’Orto degli ulivi, la crocifissione, la deposizione di Cristo dalla croce e la Risurrezione. Cinque lavori realizzati da Giovanni Ferraro, Paolo Vetrano, Francesco Avano, Domenico Bonifacio e Nello D’Antonio. L’arte popolare degli autori, apprezzati già come presepisti, ha una valenza culturale, ma anche formativa. Le ricostruzioni possono essere paragonate agli affreschi che impreziosiscono il Santuario di Pompei così come ogni chiesa cristiana. Sono infatti opere d’arte, ma anche strumenti di catechesi, dotati della forza incisiva e dell’immediatezza delle immagini.

    Scarica locandina
  • set santa 15Domenica 29 marzo, solennità delle Palme, ha inizio la Settimana Santa. Alle 11, l’arcivescovo di Pompei, monsignor Tommaso Caputo, presiederà la funzione Eucaristica. La Messa crismale sarà celebrata alle 19 di mercoledì 1° aprile. Giovedì santo, alle 19, avrà inizio la Messa in Coena Domini e, alle 21.30, l’adorazione all’Altare della reposizione. Alle 15.30 del Venerdì santo, i ragazzi dell’ACR diocesana animeranno la via Crucis nel piazzale San Giovanni XXIII. Alle 18, si celebrerà la Passione del Signore in Basilica e alle 21 la comunità parrocchiale del Santissimo Salvatore animerà la via Crucis in piazza Bartolo Longo. La Veglia Pasquale avrà inizio alle 22 di Sabato santo. L’arcivescovo Tommaso Caputo celebrerà la Messa del 5 aprile, Domenica di Pasqua, alle 11 in Santuario.

    Scarica Locandina
  • papa francesco newsPompei ha finalmente abbracciato Papa Francesco. Alle 7.48 di questo primo giorno di primavera, il Santo Padre è atterrato nella città mariana, dove è rimasto per circa un’ora, prima di proseguire il suo cammino verso Napoli. In Area Meeting, dove è stato allestito l’eliporto, è stato accolto dall’Arcivescovo Prelato e Delegato Pontificio, mons. Tommaso Caputo, e dal Sindaco, Ferdinando Uliano. Papa Francesco ha attraversato il lungo viale del parcheggio della Basilica, salutando il cordone di fedeli giunti fin dalle primissime ore del mattino. Primi a salutarlo, i giovani strumentisti del Complesso Bandistico “Bartolo Longo-Città di Pompei”, gli ospiti di tutte le opere di carità e gli alunni delle scuole del Santuario. Bagno di folla anche in Piazza Bartolo Longo, dove, ad attenderlo c’erano
  • keep lentLa Quaresima dei giovani di Pompei è social. Dal 18 febbraio, Mercoledì delle Ceneri, partirà, infatti, l’iniziativa “KeepLent”, promossa e organizzata dall’Ufficio di Pastorale Giovanile diocesano, guidato da don Ivan Licinio e Vittorio Tufano, che ha ideato un percorso di preparazione alla Quaresima studiato ad hoc per i giovani, attraverso uno dei social network più amati dagli adolescenti. Grazie a “Keep Lent”, ogni giorno, attraverso un gruppo creato sull’applicazione di messaggistica mobile istantanea WhatsApp, sarà data la possibilità, a tutti gli iscritti, di regalarsi un momento di ascolto e, soprattutto, di riflessione sul Vangelo del giorno, commentato, di volta in volta, da sacerdoti, catechisti, educatori di Azione Cattolica, insegnanti di religione,
 

Supplica alla Vergine

 

I Papi e Pompei

 
 

1979

 

2003

 

2008

 
S.E. Mons.

Tommaso Caputo

Donazione PayPal

Importo:
Donazione al Pontificio Santuario delle Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei

Orari e Celebrazioni

Il Rosario e la Nuova Pompei

OFFERTE AL SANTUARIO

 
borse_studio

Borse di Studio

Leggi Altro >>
home_restauro

Restauro

Apri >>
Stampa

La Cappella del Beato Bartolo Longo

La cappella dedicata al beato Bartolo Longo è adiacente al Santuario; è stata realizzata durante i lavori per il Grande Giubileo del 2000. Di forma quadrata, ampia 360 mq, ha il soffitto in cemento armato sagomato. Sotto l’altare è posta l’urna con le spoglie del Beato. Egli è raffigurato in un simulacro di resina, all’interno del quale sono posti i suoi resti mortali. La testa e le mani, in argento, sono state realizzate dall’argentiere Franco Scarmigliati di Roma. Il simulacro è rivestito con un abito nero e il mantello dei Cavalieri dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, al quale apparteneva Bartolo Longo.