• Rete4Domenica 8 marzo, su Rete 4, alle ore 10.00, in diretta televisiva dal Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei, andrà in onda la Santa Messa, presieduta da S.E. Mons. Tommaso Caputo, Arcivescovo-Prelato di Pompei.
  • loc quaresima 2015Il 18 febbraio, Mercoledì delle Ceneri, la Chiesa ha iniziato il cammino di grazia che conduce alla Pasqua. Quaresima è, infatti, cammino di conversione nel quale prendere coscienza dei propri limiti e dei propri peccati, aspirando ad un vero cambiamento del cuore. Questo periodo, in cui è forte l’esigenza di rinnovamento e di grazia, sia per tutti occasione di un più forte impegno di carità verso i fratelli in difficoltà, di maggior intensità nella preghiera e di disponibilità al perdono. Anche la Chiesa che è in Pompei, il 18 febbraio, con la santa Messa presieduta dall’Arcivescovo, mons. Tommaso Caputo, ha iniziato il suo cammino di rinnovamento, di penitenza
    Leggi tutto...
  • keep lentLa Quaresima dei giovani di Pompei è social. Dal 18 febbraio, Mercoledì delle Ceneri, partirà, infatti, l’iniziativa “KeepLent”, promossa e organizzata dall’Ufficio di Pastorale Giovanile diocesano, guidato da don Ivan Licinio e Vittorio Tufano, che ha ideato un percorso di preparazione alla Quaresima studiato ad hoc per i giovani, attraverso uno dei social network più amati dagli adolescenti. Grazie a “Keep Lent”, ogni giorno, attraverso un gruppo creato sull’applicazione di messaggistica mobile istantanea WhatsApp, sarà data la possibilità, a tutti gli iscritti, di regalarsi un momento di ascolto e, soprattutto, di riflessione sul Vangelo del giorno, commentato, di volta in volta, da sacerdoti, catechisti, educatori di Azione Cattolica, insegnanti di religione,
  • In vista della Visita di Papa Francesco a Pompei, in programma il prossimo 21 marzo, Mons. Tommaso Caputo, Arcivescovo Prelato e Delegato Pontificio della città mariana, ha scritto una lettera rivolta ai fedeli, che riportiamo di seguito.
     
    papa francesco 2Cari fedeli, come è stato annunciato, nella prima mattinata di sabato 21 marzo il Santo Padre Francesco sarà a Pompei per pregare ai piedi della Beata Vergine del Santo Rosario. Questa visita, breve ma intensa, ci riempie di gioia. Il Santuario di Pompei diventerà la porta della preghiera a questo nuovo incontro del Papa con la nostra terra, sulla via per Napoli. Sappiamo che Papa Francesco desidera vivere questa breve visita come un pellegrino che viene ad affidarsi alla Madonna, ponendosi così sulla
    Leggi tutto...
  • Copertina 20 sabati verdeCon il mese di dicembre è ricominciata, in Santuario, la celebrazione dei “Venti Sabati del Santo Rosario”, la pia pratica che accompagna i fedeli, sabato dopo sabato, al giorno in cui si recita la Supplica. Questa devozione, infatti, così come proposta dal Santuario di Pompei, consiste nell’impegno di rivivere, per venti sabati consecutivi, i misteri del Santo Rosario, in preparazione alle due grandi giornate dell’8 maggio e della prima domenica di ottobre, quando, a mezzogiorno, simultaneamente in tutto il mondo, si recita la Supplica, la preghiera composta dal Beato Bartolo Longo nel 1883. Ed è proprio alla scuola del Beato, fondatore del Santuario, centro che ha contribuito, più di altri, alla diffusione di questa pratica, che si svolgono i Venti Sabati.
 

Supplica alla Vergine

 

I Papi e Pompei

 
 

1979

 

2003

 

2008

 
S.E. Mons.

Tommaso Caputo

Donazione PayPal

Importo:
Donazione al Pontificio Santuario delle Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei

Orari e Celebrazioni

Il Rosario e la Nuova Pompei

OFFERTE AL SANTUARIO

 
borse_studio

Borse di Studio

Leggi Altro >>
home_restauro

Restauro

Apri >>
Stampa

La Cappella del Beato Bartolo Longo

La cappella dedicata al beato Bartolo Longo è adiacente al Santuario; è stata realizzata durante i lavori per il Grande Giubileo del 2000. Di forma quadrata, ampia 360 mq, ha il soffitto in cemento armato sagomato. Sotto l’altare è posta l’urna con le spoglie del Beato. Egli è raffigurato in un simulacro di resina, all’interno del quale sono posti i suoi resti mortali. La testa e le mani, in argento, sono state realizzate dall’argentiere Franco Scarmigliati di Roma. Il simulacro è rivestito con un abito nero e il mantello dei Cavalieri dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, al quale apparteneva Bartolo Longo.