• FiaccolataSi terrà sabato 31 gennaio la “Fiaccolata a sostegno e difesa della vita”, organizzata dall’Ufficio per la Pastorale Familiare della Diocesi di Pompei, guidato da don Giuseppe Lungarini. L’evento, che intende richiamare l’attenzione sui grandi temi della vita, in sintonia con il messaggio della Conferenza Episcopale Italiana per la XXXVII Giornata Nazionale della Vita, avrà inizio alle 19.00, presso la parrocchia Sacro Cuore, con la santa Messa presieduta dall’Arcivescovo della città mariana, mons. Tommaso Caputo. Slogan della fiaccolata sarà proprio il titolo scelto dai Vescovi italiani per la Giornata Nazionale 2015, ovvero “Solidali per la vita”. La Fiaccolata si snoderà per le vie principali della città, per raggiungere, infine, la Basilica, dove, la marcia a sostegno della vita si concluderà con un momento di preghiera e una riflessione guidata dall’Arcivescovo Caputo.
  • In vista della Visita di Papa Francesco a Pompei, in programma il prossimo 21 marzo, Mons. Tommaso Caputo, Arcivescovo Prelato e Delegato Pontificio della città mariana, ha scritto una lettera rivolta ai fedeli, che riportiamo di seguito.
     
    papa francesco 2Cari fedeli, come è stato annunciato, nella prima mattinata di sabato 21 marzo il Santo Padre Francesco sarà a Pompei per pregare ai piedi della Beata Vergine del Santo Rosario. Questa visita, breve ma intensa, ci riempie di gioia. Il Santuario di Pompei diventerà la porta della preghiera a questo nuovo incontro del Papa con la nostra terra, sulla via per Napoli. Sappiamo che Papa Francesco desidera vivere questa breve visita come un pellegrino che viene ad affidarsi alla Madonna, ponendosi così sulla
    Leggi tutto...
  • Copertina 20 sabati verdeCon il mese di dicembre è ricominciata, in Santuario, la celebrazione dei “Venti Sabati del Santo Rosario”, la pia pratica che accompagna i fedeli, sabato dopo sabato, al giorno in cui si recita la Supplica. Questa devozione, infatti, così come proposta dal Santuario di Pompei, consiste nell’impegno di rivivere, per venti sabati consecutivi, i misteri del Santo Rosario, in preparazione alle due grandi giornate dell’8 maggio e della prima domenica di ottobre, quando, a mezzogiorno, simultaneamente in tutto il mondo, si recita la Supplica, la preghiera composta dal Beato Bartolo Longo nel 1883. Ed è proprio alla scuola del Beato, fondatore del Santuario, centro che ha contribuito, più di altri, alla diffusione di questa pratica, che si svolgono i Venti Sabati.
  • locandina-presepiAnche quest’anno, nei giorni di Avvento, i fedeli saranno aiutati ad entrare nel mistero del Natale grazie agli appuntamenti liturgici e alla visita ai numerosi presepi esposti in Santuario. La tradizione presepiale della città di Pompei ha, infatti, oltre cento anni di vita e risale allo stesso Fondatore, il Beato Bartolo Longo. I pellegrini potranno ammirare numerose e autentiche opere d’arte, realizzate artigianalmente in ogni parte. Strutture, dunque, uniche nel genere, rigorosamente realizzate a mano. Tra queste, quella di Domenico Bonifacio, artista di Torre Del Greco, che qualche anno fa collaborò alla realizzazione del presepe allestito nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico e donato a Papa Giovanni Paolo II. Al Presepe Monumentale, allestito, come sempre, presso
 

Supplica alla Vergine

 

I Papi e Pompei

 
 

1979

 

2003

 

2008

 
S.E. Mons.

Tommaso Caputo

Donazione PayPal

Importo:
Donazione al Pontificio Santuario delle Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei

Orari e Celebrazioni

Il Rosario e la Nuova Pompei

OFFERTE AL SANTUARIO

 
borse_studio

Borse di Studio

Leggi Altro >>
home_restauro

Restauro

Apri >>
Stampa

La Cappella del Beato Bartolo Longo

La cappella dedicata al beato Bartolo Longo è adiacente al Santuario; è stata realizzata durante i lavori per il Grande Giubileo del 2000. Di forma quadrata, ampia 360 mq, ha il soffitto in cemento armato sagomato. Sotto l’altare è posta l’urna con le spoglie del Beato. Egli è raffigurato in un simulacro di resina, all’interno del quale sono posti i suoi resti mortali. La testa e le mani, in argento, sono state realizzate dall’argentiere Franco Scarmigliati di Roma. Il simulacro è rivestito con un abito nero e il mantello dei Cavalieri dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, al quale apparteneva Bartolo Longo.