• terremotoIl Santuario di Pompei è vicino alla popolazione colpita dal terremoto di stanotte. Fin da stamattina, in tutte le Messe, si è pregato per i morti, per i feriti, per i dispersi e le loro famiglie. Seguendo l'esempio di Papa Francesco, si assicura la vicinanza spirituale anche con la preghiera del Santo Rosario. Sono in preparazione iniziative concrete per andare incontro alle esigenze delle persone. Intanto è confermata per domenica 18 settembre la colletta straordinaria organizzata dalla CEI.
     
    Ufficio Comunicazioni Sociali
  • copertina catechesiIl Santuario ha dato alle stampe un volume con i testi di tutti gli incontri di catechesi tenutisi in Basilica dal 17 febbraio al 27 aprile in occasione del Giubileo della Misericordia. La pubblicazione raccoglie le riflessioni dei dieci illustri relatori intervenuti per approfondire il tema delle Opere di Misericordia e far comprendere il senso di questo Anno Santo. Disponibile presso la libreria del Santuario al prezzo di € 9,00, il volume è uno strumento prezioso per chi vuole nutrire la propria fede ed entrare nel cuore del mistero della misericordia divina. Chi desidera acquistarne una o più copie può prenotarle, inoltre, contattando la Segreteria Generale allo 081 8577321/495, o inviando un’e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

  • locandina pompei nuovaÈ intitolata “Per Grazia Ricevuta. La devozione religiosa a Pompei antica e moderna” la mostra che mette a confronto i rituali e le offerte votive che gli antichi Sanniti e Romani di Pompei donavano alle divinità pagane con quelli che i Cristiani, ancora oggi, offrono al Santuario della Madonna del Rosario. La mostra, allestita presso l’Antiquarium del sito archeologico di Pompei, sarà visitabile fino al 27 novembre (tutti i giorni dalle 9 alle 19). La mostra nasce dalla sinergia tra la Soprintendenza Archeologica e il Santuario, con la collaborazione del Centro Europeo per il Turismo e la Cultura e il supporto di Civita Mu.Se.A.
     
    Info: 339 5681956 - 339 5696162

    È intitolata “Per Grazia Ricevuta. La devozione religiosa a Pompei antica e moderna” la mostra che mette a confronto i rituali e le offerte votive che gli antichi Sanniti e Romani di Pompei donavano alle divinità pagane con quelli che i Cristiani, ancora oggi, offrono al Santuario della Madonna del Rosario. La mostra, allestita presso l’Antiquarium del sito archeologico, sarà visitabile fino al 27 novembre (tutti i giorni dalle 9 alle 19). La mostra nasce dalla sinergia tra la Soprintendenza Archeologica e il Santuario, con la collaborazione del Centro Europeo per il Turismo e la Cultura e il supporto di Civita Mu.Se.A.

     

  • talloncino carita16Quest’anno, con il tuo 5x1000, puoi aiutare l’Associazione “SANTUARIO DI POMPEI: CASA DI CARITÀ – O.N.L.U.S.”, sostenendo le strutture di accoglienza fondate dal Beato Bartolo Longo che, ancora oggi, dopo oltre 130 anni, danno speranza, amore e un futuro migliore “ai più deboli” della società. Molti i traguardi raggiunti in questi anni. Oltre alle opere in favore di bambini orfani, soli o abbandonati, figli di carcerati e, poi, quelle per ospitare gestanti, ragazze madri con i loro bambini e minori provenienti da situazioni di disagio economico e sociale, recentemente sono state inaugurate cinque nuove Case Famiglia, la Mensa per i Poveri intitolata a “Papa Francesco” e, ancora, l’accoglienza delle immigrate africane. L’impegno del
    Leggi tutto...
 

Supplica alla Vergine

 

I Papi e Pompei

 
 

1979

 

2003

 

2008

 
S.E. Mons.

Tommaso Caputo

Donazione PayPal

Importo:
Donazione al Pontificio Santuario delle Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei

Orari e Celebrazioni

Il Rosario e la Nuova Pompei

OFFERTE AL SANTUARIO

 
borse_studio

Borse di Studio

Leggi Altro >>
home_restauro

Restauro

Apri >>
Stampa

La Cappella del Beato Bartolo Longo

La cappella dedicata al beato Bartolo Longo è adiacente al Santuario; è stata realizzata durante i lavori per il Grande Giubileo del 2000. Di forma quadrata, ampia 360 mq, ha il soffitto in cemento armato sagomato. Sotto l’altare è posta l’urna con le spoglie del Beato. Egli è raffigurato in un simulacro di resina, all’interno del quale sono posti i suoi resti mortali. La testa e le mani, in argento, sono state realizzate dall’argentiere Franco Scarmigliati di Roma. Il simulacro è rivestito con un abito nero e il mantello dei Cavalieri dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, al quale apparteneva Bartolo Longo.