Stampa

Cronaca Supplica 7 ottobre 2018

zenari homeQuesta mattina, il Cardinale Mario Zenari, Nunzio apostolico in Siria, ha presieduto la Santa Messa e la recita della Supplica nella Basilica della Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei. Nella sua omelia, ha commosso tutti ricordando la tragedia del conflitto siriano, in corso da quasi otto anni, invocando l’intercessione di Maria nel Santuario, la cui facciata è dedicata proprio alla pace universale. Ma sono tanti i drammi del mondo e tutti i cristiani sono chiamati a testimoniare la propria fede nella carità, piegandosi sui bisogni, spesso sui drammi, dei propri fratelli. È la Chiesa chiamata ad essere “in uscita” da Papa Francesco, che intanto, durante l’Angelus di stamattina, rivolge il suo pensiero a Pompei e rinnova l’invito «a pregare il
Rosario ogni giorno del mese di ottobre, concludendolo con l’antifona “Sotto la tua protezione” e la preghiera a San Michele Arcangelo, per respingere gli attacchi del diavolo che vuole dividere la Chiesa». La funzione religiosa è stata concelebrata dall’Arcivescovo di Pompei, Tommaso Caputo, che ha rinnovato l’impegno di Pompei a portare avanti le tante Opere sociali e a pregare incessantemente per la Siria, per il Sinodo dei Vescovi dedicato ai giovani e per l’unità della Chiesa.

Riportiamo il comunicato stampa, l'omelia del Nunzio apostolico Card. Zenari e il saluto di Mons. Caputo